Best of Houzz Italia 2019 –

best of houzz 2019

Idee da Houzz

 

Bonus verde 2018

Da Houzz: orto, che passione!

Qualche ispirazione da houzz!

Da Houzz – Un quadro in giardino

Orto dei semplici elbano

Questa presentazione richiede JavaScript.

Difficile staccarsi dal meraviglioso mare dell’Isola D’Elba per visitare l’entroterra, ma questo piccolo giardino ne vale davvero la pena! E’ un luogo di pace e bellezza dove la ricerca di radici antiche si fonde con un concetto più moderno di Land art.

L’orto dei semplici elbano si trova  accanto all’Eremo di Santa Caterina, nel comune di Rio nell’Elba. Lasciata l’auto in un piccolo parcheggio si segue un sentiero costeggiato da cipressi, preparandosi a passare dal frenetico mondo delle spiagge elbane ad un luogo di intensa spiritualità che per me si traduce nella profonda contemplazione della magia della Natura.

L’orto dei semplici elbano è decisamente molto recente: è nato nel 1997 per promuovere e diffondere la conoscenza delle piante autoctone dell’Arcipelago toscano e per conservare le tradizioni delle specie che da sempre popolano queste terre, oggi sempre più minacciate.

Appena entrati di fianco all’Eremo si viene subito accolti dal profumo della macchia mediterranea che costituisce la prima delle undici sezioni tematiche. A seguire, un pergolato semplice ed arioso circondato da piccoli gradini che promettono nuove scoperte. E la promessa non viene disattesa : si può scegliere tra ritrovarsi in una zona di vegetazione tipica delle dune marine, camminare tra piante sacre di civiltà antiche ed immaginare di passeggiare in un antico giardino dell’Elba.

Un inaspettato labirinto si cela dietro a piccole entrate. Un labirinto in cui in vasche delimitate da blocchi di tufo contengono piante alimentari, aromatiche e medicinali. Uscendo da questo minuscolo labirinto ci aspetta uno spazio ampio tra alberi di varie specie e con blocchi di terracotta che incuriosiscono ed al tempo stesso invitano a fermarsi.

Un frutteto, un giardino delle farfalle e persino un apiario arricchiscono ulteriormente il giardino intenso di spunti.

Interessanti le realizzazioni di alcuni artisti che con pochi oggetti semplici e naturali hanno arricchito di intensità il valore di questo bellissimo luogo.

Houzz – Giardino dark

Il mio primo anno di blog!

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 740 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 12 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Capelvenere

 

Ieri, in una delle mie passeggiate in vivaio, il mio bimbo si è innamorato di questa piccola felce al punto tale che, nonostante i suoi cinque anni, ho dovuto comprargliene una sollecitata dalla sua azzardata promessa di curarla da solo… staremo a vedere!!

D’altronde come non dargli ragione! Le sue piccole e delicate foglioline che ricordano proprio dei lunghi e soffici capelli, incantano per la leggerezza e la forma particolare.

Il nome latino di questa piccola felce è Adiantum capillus-veneris, delicata e preziosa pianta, che non supera i 25-35 centimetri di altezza, utilizzata soprattutto da interno ma il suo habitat ideale sono i sottoboschi di zone a clima temperato, vicino a corsi d’acqua, torrenti e piccoli fiumi, intorno a grotte o zone ombreggiate.

Tenendola in casa procuriamole un luogo con temperature miti, ombra luminosa e costante umidità per garantirle le condizioni ottimali di vita originaria.

Se la colorazione delle foglie si modifica attenzione alla luminosità a cui è esposta: se le foglie sono quasi giallastre la luce è eccessiva, se si scuriscono molto la luce è troppo poca.

Io (ed il mio bimbo) l’abbiamo utilizzata abbinandola alla stella di natale, visto il periodo, ma anche a fianco di un’orchidea è perfetta!